STATO DELLE NOMINE ALL’ESTERO PER IL 2023/24 E GRADUATORIE ESAURITE: INCONTRO OO.SS. SCUOLA/ MAECI

 

STATO DELLE NOMINE ALL’ESTERO PER IL 2023/24  E GRADUATORIE ESAURITE:  INCONTRO OO.SS. SCUOLA/ MAECI

STATO DELLE NOMINE

Nel corso dell’incontro con  le OO.SS. scuola del 21 novembre  u.s.  la  Delegazione del Ministero degli esteri, presieduta dal capo dell’Ufficio V DGDP, Cons, D’Amb. Filippo Romano,   ha comunicato  gli ultimi aggiornamenti sullo stato  delle nomine per l’a.s. 2023-24  e sulla situazione dello scorrimento delle graduatorie, al fine di verificare la necessità di bandire nuove selezioni, nei casi di esaurimento delle stesse.  In attesa di ulteriori dati percentuali che saranno trasmessi dall’ Ufficio V nei prossimi giorni, sono stati  esposti i dati  attuali sullo stato di avanzamento delle nomine. Alcune destinazioni  sono in parte già programmate a breve o vincolate dall’emissione del visto indispensabile per l’assunzione. Per quanto riguarda  i posti  vacanti relativi alle graduatorie esaurite   il Maeci  ha proceduto, ai sensi dell’art. 24 del dlgs 64/2017, con assegnazioni temporanee.   Per quanto riguarda i lettorati, le procedure sono in  forte ritardo, tuttavia l’Amministrazione ha ribadito l’impegno di completare  al più presto  le nomine per garantire entro i prossimi mesi la copertura di tutti  i lettorati vacanti.

 Nel corso dell’incontro la Federazione Uil scuola Rua e le altre OO.SS. hanno sollecitato l’amministrazione del Maeci ad individuare specifiche soluzioni sul piano politico-diplomatico con le autorità britanniche, al fine di garantire il mantenimento delle nostre iniziative linguistiche nel Regno Unito, essendo fortemente a rischio la permanenza del personale scolastico italiano impegnato nei  corsi di italiano nelle scuole inglesi, a causa del blocco dei permessi di lavoro.  Il Cons. Romano ha rappresentato l’impegno del Maeci e della nostra R.D. a concludere al più presto la trattativa diplomatica in corso; La Uil scuola , nel sottolineare  la forte preoccupazione dei nostri docenti in servizio in UK  ha rappresentato la necessità di un intervento diretto del Ministro degli esteri Tajani al fine di poter giungere al più presto ad un Accordo con le autorità inglesi.